A bordo del FLAG

Ultima assemblea dei soci del Flag Marche Centro: è tempo di bilanci!

Di News, StorytellingNessun commento

Si è svolta lo scorso 11 febbraio l’ultima assemblea dei soci del Flag Marche Centro ed è tempo di bilanci, ma anche di nuovi obiettivi.

L’assemblea, che ha in primis dato il benvenuto al nuovo assessore al commercio del Comune di Civitanova Marche con delega alle attività portuali Francesco Caldaroni, ha affrontato, tra i vari punti all’ordine del giorno, l’andamento delle attività del partenariato, che si avvicina alla chiusura dell’attuale programmazione con numeri e risultati importanti.

Si prevedono nuove progettualità su attività di cooperazione per giungere all’integrale impegno delle risorse a disposizione e, avvicinandosi alla conclusione dell’attuale strategia, il Flag Marche Centro è pronto a partecipare attivamente alla nuova programmazione europea 2021-2027.

Graditissimo ospite dell’assemblea è infatti stato il dott. Angelo Schillaci, coordinatore della Rete Nazionale Flag, che ha anticipato i possibili elementi di novità della prossima programmazione economica chiarendo che il Flag Marche Centro è una delle realtà più virtuose della rete nazionale e che per tale ragione la sua esperienza è cruciale per studiare cambiamenti e miglioramenti dell’assetto di regole, dotazioni economiche e responsabilità nella relativa gestione.

Il presidente Tommaso Medi, a nome del consiglio di amministrazione, ha colto l’occasione per ringraziare tutto lo staff per l’ottimo lavoro svolto e il dott. Schillaci per il supporto e la grande disponibilità che ha sempre dimostrato, con l’obiettivo di veder confermata la stima che il Flag Marche Centro si è guadagnato in questi pochi ma intensi anni di attività.

Farm to fork in blu!

Di News, StorytellingNessun commento

Attività di pesca, nuovi format di ristorazione ed animazione delle aree pescherecce e portuali. La pandemia stimola lo sviluppo di nuove soluzioni sempre più “blue & green”.

Una significativa immagine segnalata dalla professoressa Alessandra Roncarati dell’Università degli Studi di Camerino.

Un’imbarcazione ormeggiata presso il porto de La Rochelle (Golfo di Biscaglia, Francia), appositamente modificata ed attrezzata per cucinare e proporre piatte a base di prodotti ittici.

Nei presso dell’imbarcazione, sulla banchina, tavolini con i giusti distanziamenti per la degustazione in loco.

Il FLAG MARCHE CENTRO protagonista a Platform SEALOGY® – Il Salone Europeo sulla Blue Economy

Di News, StorytellingNessun commento

Tipicità in Blu come esempio di partenariato virtuoso che nasce dal basso, ossia dalle esigenze del vasto mondo di “attori” che opera tra mare e terra.

Nell’occasione la realtà del FLAG Marche Centro sarà al centro dell’attenzione in quanto organismo di natura “bottom up”, capace in questi anni di sistematizzare e dare continuità agli stimoli ed ai fabbisogni scaturiti proprio dal “laboratorio in banchina” di Tipicità in Blu.

La tematica sarà trattata nell’ambito di  Platform SEALOGY® – Il Salone Europeo sulla Blue Economy con il webinar “ Processi di concertazione dal basso per lo Sviluppo Locale” in programma venerdì 20 novembre  alle ore 11.00 e fruibile con le modalità indicate nella locandina.

Scarica la locandina

Il messaggio del Presidente 

A nome del Flag che ho l’onore di presiedere esprimo una grandissima soddisfazione per la presenza e la centralità di Tipicità in Blu tra le esperienze che verranno raccontate in questo webinar. E se a raccontarla è Alberto Monachesi, l’auspicio di poter appassionare la platea (seppur virtuale) diventa una certezza.

Senza voler rubare il lavoro a chi lo sa fare molto meglio di me, ciò che ritengo importante evidenziare è che Tipicità in Blu è nata come iniziativa di promozione territoriale, ma ha saputo trasformarsi, adattarsi e crescere, diventando un collettore permanente di contenuti di qualità e di relazioni virtuose, un megafono di esperienze positive. E in questo il Flag Marche Centro ha fatto la sua parte, insieme ai tantissimi partner di prestigio che Tipicità ha saputo coinvolgere, come soggetto finanziatore, ma soprattutto come generatore di quei contenuti di qualità e di quelle relazioni virtuose che costituiscono il cuore e le gambe di questa realtà. Parlo di cuore perché ce n’è stato messo sempre tanto, e di gambe perché l’ambizione è arrivare lontano e non limitarsi a semplici testimonianze.

Anche in quest’anno di straordinarie difficoltà la sfida è stata raccolta e vinta, perché l’approccio bottom-up su cui il Flag Marche Centro fonda la sua stessa esistenza e di cui Tipicità in Blu è maestra, ha portato ancora una volta a fotografare le difficoltà, elaborarle e trovare soluzioni. Il risultato è che l’edizione 2020 è stata eccezionale sia per qualità, ma anche per diffusione e partecipazione, grazie alla fruibilità online di tutti i contenuti prodotti.

Mondo della ricerca, amministrazioni, pescatori, distributori, trasformatori e ristoratori si sono incontrati nuovamente per rafforzare i nodi della rete che da quattro anni abbiamo contribuito a costruire e a far crescere, e in questo Tipicità in Blu ha sempre costituito un imprescindibile giro di boa, l’occasione perfetta per tirare le somme di quanto si è fatto, raccontarlo, e pianificare ciò che deve essere fatto in futuro.

Buon lavoro,
Tommaso Medi

PESCE SICURO IN ADRIATICO: la pesca tra salvaguardia marina e cucina d’autore

Di News, StorytellingNessun commento

Domani, sabato 31 ottobre, dal Mercato Ittico, in diretta FB, l’incontro proposto dall’Organizzazione Produttori della pesca di Civitanova Marche

A Civitanova Marche, l’Organizzazione Produttori della Pesca reagisce al difficile momento pandemico, proponendo un incontro con inizio alle 10.30, fruibile ovviamente in digitale, ma ambientato simbolicamente nel sito che è il “cuore” degli scambi economici del comparto, ossia il Mercato Ittico Comunale.

Il mondo della pesca è una voce importante del prodotto interno marchigiano, ma è anche un attore fondamentale per l’equilibrio e la sostenibilità dell’ecosistema marino, nonché il punto di partenza di tutta la catena del valore che alimenta commercianti, industrie collegate, ristorazione.

Il vicepresidente della Regione Marche e assessore alla pesca marittima, Mirco Carloni porterà il saluto della Regione, insieme al contrammiraglio Enrico Moretti, Comandante Direzione Marittima delle Marche ed al Sindaco di Civitanova Marche, Fabrizio Ciarapica per quanto riguarda la città ospitante. Previsto anche l’intervento del presidente del FLAG Marche Centro, Tommaso Medi.

Progetti contro l’inquinamento marittimo, in particolare provocati dalle microplastiche, ma anche promozione delle tipologie di pescato stagionale rielaborate da grandi chef negli intenti del progetto “Pesce Sicuro in Adriatico”, che sarà introdotto dal Vicepresidente Fedagripesca Marche, Giuseppe Micucci.

Nell’incontro moderato dal giornalista ed esperto di marketing territoriale, Alberto Monachesi, sarà presentato il progetto AdriCleanFish, a cura dell’Università degli Studi di Siena e della Ca’Foscari di Venezia, che vede protagonisti anche i pescatori di Civitanova Marche e punta al monitoraggio, raccolta e valutazione degli impatti dei rifiuti marini sulle specie ittiche per la conservazione delle risorse e una pesca sostenibile

Emilio Notti, cordinatore del sistema CISP, illustrerà l’approccio circolare al recupero dei rifiuti plastici nella pesca Spazio anche al rifiuto marino che diventa opera d’arte con l’esperienza di Plastiglomeri.

Le tante qualità del pescato locale al centro dell’attenzione nella seconda parte dell’incontro con il Marchio QM spiegato da Nicola Pandolfi, direttore del Mercato Ittico di Ancona. Sarà il responsabile di Scienze Gastronomiche dell’Università di Camerino, Gianni Sagratini, ad illustrare le caratteristiche e le proprietà delle specie ittiche locali, che verranno riproposte, in un vero e proprio cooking-show digitale, dalla chef Barbara Settembri dell’Accademia di Tipicità.

Le conclusioni dell’incontro, al quale si può partecipare in diretta o rivedere in streaming, collegandosi alla pagina facebook del FLAG Marche Centro, saranno affidate al presidente dell’organizzazione produttori della pesca di Civitanova Marche, Mariano Malaccari.

TIPICITÀ IN BLU – Accademia Oro di Mare: la rete come sistema

Di News, StorytellingNessun commento

Si è svolto sabato 10 ottobre, nella splendida cornice dell’auditorium della Mole Vanvitelliana di Ancona, l’incontro Accademia Oro di Mare.

Il FLAG Marche Centro – organismo del quale fanno parte una molteplicità di attori come enti pubblici, comuni, università, realtà private quali associazioni e organizzazioni che operano nel settore della pesca e altri soggetti – ha organizzato il dibattito dal titolo La rete come sistema: dai problemi alle opportunità per il mondo della pesca nel FLAG Marche Centro.

La rete simboleggia in pieno la filosofia del FLAG Marche Centro, come si intuisce anche dal suo logo: la rete come strumento di lavoro dei pescatori e come simbolo di connessione.
Infatti la strategia del FLAG Marche Centro, rappresentata dal presidente Tommaso Medi e dal direttore Giorgio Bisirri, è promuovere un’integrazione trasversale dei vari settori economici, puntando a uno sviluppo delle comunità di pescatori combinato con la valorizzazione delle risorse locali: identità culturale, enogastronomica, agroalimentare, ambientale, storica, architettonica ed economica. In questo modo si possono accrescere l’attrattività e la competitività del territorio, puntando sulla diversificazione delle attività, sulla formazione e sul potenziamento delle competenze professionali dei pescatori, oltre che sullo sviluppo di una nuova consapevolezza delle opportunità di sviluppo della fascia costiera.
Una visione nuova di questo mondo della blue economy, alla cui discussione hanno partecipato anche il vicesindaco del Comune di Ancona, Pierpaolo Sediari, e l’assessore al Turismo del Comune di Porto Recanati, Angelica Sabbatini.

Dopo questa parte dedicata agli impatti e alla visione del FLAG Marche Centro nel sistema-territorio, il focus si è diretto al CISP e all’approccio integrato allo sviluppo tra le filiere del mare, con l’intervento del coordinatore CISP, Emilio Notti, e dei rappresentanti dell’Università Politecnica delle Marche, di Unicam, delle associazioni dei pescatori e del mercato ittico.
Il CISP – Creazione del Centro Innovazione e Sviluppo della Pesca – rappresenta l’operazione più importante del FLAG Marche Centro: un laboratorio permanente tra mondo della pesca e della ricerca, un luogo di confronto dove siedono il CNR, l’Università e le associazioni dei pescatori che, questa mattina, si sono ritrovati ancora una volta a dialogare tra loro, per rispondere in modo opportuno alle sfide della contemporaneità.

Un confronto costante negli ultimi anni che si lega perfettamente all’ultima parte dell’incontro pubblico che ha visto lo studio di scenari e connessioni, con il coordinatore della Rete Nazionale dei FLAG Angelo Schillaci, e i rappresentanti del FLAG di Chioggia.

Rivedi l’evento

I video dal nostro canale YouTube

Foto gallery